Che disdetta!

Che disdetta!

con Nessun commento

Una sala d’attesa simbolica allestita dai ragazzi dell’IsArt in piazza Maggiore: per invitare tutti al rispetto degli impegni presi, proprio a partire dalle visite mediche

Ogni anno a Bologna vengono prenotati numerosissimi esami e prestazioni mediche specialistiche, i cui richiedenti non si presentano all’appuntamento fissato, senza avvisare della loro assenza, e lasciando il medico o lo specialista di turno in attesa vana del suo paziente, che non si presenterà. Se tutti disdicessero per tempo, il risparmio di denaro, e di tempo per quelli che invece sono in attesa della loro visita, sarebbe notevole. Per questo i ragazzi di due classi dell’IsArt di Bologna, guidati dalle professoresse Raffaella Troiero e Paola Sapori, a partire da un’attività didattica dedicata all’educazione civica, hanno allestito nella mattina di lunedì 21 maggio, davanti alla Farmacia Comunale di piazza Maggiore a Bologna, una sala d’attesa simbolica.

Sedie occupate sagome bianche “parlanti” rappresentavano i pazienti che hanno omesso di disdire il loro appuntamento: “Avevo prenotato ma c’era il derby”, “Avevo prenotato ma poi ho dimenticato di segnarlo in agenda”. Una lunga coda poi, partiva dalla sala: ma quando la voce del dottore chiamava il numero relativo al paziente di turno da visitare, nessuno si alzava.

La performance è stata inscenata per ricordare ai cittadini, e a chi magari usciva dal CUP dopo aver prenotato una prestazione, che il rispetto degli impegni presi è prima di tutto rispetto per gli altri, medici o altri pazienti. E che il presentarsi agli appuntamenti, siano essi con un amico o con un medico, e nell’eventualità che intervengano problemi, disdirli, è un gesto di responsabilità ed educazione. Che porta vantaggi per tutti, in termini di attesa e denaro.

 

“Nella riflessione che abbiamo portato avanti”, racconta uno dei ragazzi, “è emerso che non accade per nessun altro tipo di appuntamento di mancare senza avvisare: non c’è ragione per cui non dobbiamo usare questa cortesia che adoperiamo con i nostri amici, anche con le visite mediche… soprattutto quando basta una telefonata!”. I riferimenti per disdire una visita medica prenotata, ricorda infatti l’Ausl, sono riportati chiaramente sul foglio di prenotazione.

L’iniziativa è stata organizzata dall’Azienda Usl di Bologna e dal Centro Antartide.

Disdetta (2) Disdetta (3)